Call Us: +39 0377 220 666

Innovazione digitale in serra: agricoltura che vince

La tecnologia sta rivoluzionando il sistema di coltivazione in serra migliorando la gestione.
Importanti gli obiettivi:

  • ridurre i consumi e quindi risparmiare,
  • produrre di più e più velocemente,
  • migliorare qualità e sicurezza alimentare,
  • ecosostenibilità.

 1 – controllo del microclima e dei parametri ambientali

In serra, il microclima consente di produrre verdure o frutti di stagione in qualsiasi momento dell’anno, ma perché questo avvenga è fondamentale mantenere le condizioni ideali per la crescita delle piante.
La tecnologia fornisce sensori wireless in grado di rilevare in modo preciso, costante e in tempo reale valori come temperatura, umidità e luminosità.


Il monitoraggio affidabile dell’ambiente permette di intervenire prontamente in caso di necessità con le decisione più opportune o, nel caso si adotti la tecnologia IoT (Internet of Things), automatizzando operazioni quali apertura o chiusura di finestre.

I sistemi IoT (Internet of Things) sono sempre più diffusi in agricoltura e rappresentano il passaggio dall’agricoltura di precisione al digital farming. Con l’IoT (Internet of Things), infatti, il dato non viene solo rilevato, anche elaborato al fine di innescare azioni automatiche (irrigazione) o effettuare previsioni (probabile sviluppo di infezioni fungine).

L’importanza dell’IoT (Internet of Things) è riconosciuta dall’Europa che ha disposto misure e finanziamenti per favorirne l’adozione in tutti i settori, compreso quello agricolo. In Italia, le Regioni supportano l’innovazione con bandi e “incentivi fiscali”.

2 – irrigazione o fertirrigazione

Irrigare solo quando serve e nella misura necessaria consente di ridurre notevolmente il consumo di acqua: nelle serre idroponiche di ultima generazione, chiamate anche Vertical Farms (serre su più piani costruite in prossimità di grandi centri abitati, dagli Stati Uniti al Giappone), è stato calcolato che si può risparmiare fino al 90-97% di acqua.

Questo grande risultato è in parte dovuto al sistema di ricircolo in dotazione nelle idroponiche, e in parte all’uso miratissmo della risorsa. Grazie a sensori wireless, infatti l’irrigazione può essere programmata sulle reali necessità della pianta.

Non solo. Anche il dosaggio del fertilizzante può essere calibrato con precisione con sensori e software specifici. Nelle serre idroponiche (senza suolo), insieme all’acqua, vengono forniti alla pianta i nutrienti che in genere si trovano nel terreno. Sensori misurano la vigoria della piantina. Il dato può essere elaborato da un software che lo incrocia con la fase di crescita. Quel che si ottiene è l’informazione necessaria per pianificare al meglio la fertirrigazione, individuando frequenza e dosaggi ottimali. La precisione nell’erogare le sostanze nutritive comporta una produzione più veloce, abbondante e, visto l’ambiente controllato fuori suolo, anche sana.

Nel caso di serre tradizionali, i sensori wireless di umidità del suolo sono strumenti affidabili per capire il fabbisogno di acqua della coltivazione.

3 – illuminazione

Le serre per molto tempo hanno sfruttato la luce solare, ma clima, latitudine e stagioni influiscono sulla quantità e il grado di luminosità. Per emanciparsi da questa situazione, la tecnologia ha dato una risposta con la lampada LED. E’ sua la luce viola e rosa che avvolge le serre.

La lampada LED fornisce alle piante luce blu e rossa, attivando la fotosintesi. La lunghezza d’onda della luce contribuisce alla determinazione del sapore e dell’aspetto dei frutti. Nelle serre verticali, l’utilizzo delle lampade LED consente di aumentare i cicli produttivi, garantendo la “luce migliore” ogni giorno.





  • IOT IN THE GREENHOUSE: against the diseases and parasites of watermelons
    IOT IN THE GREENHOUSE: against the diseases and parasites of watermelons
    IOT IN THE GREENHOUSE: against the diseases and parasites of watermelons AURORAS in...
  • SAVE GRAPE, the monitoring IoT system for the vineyards: an application example
    SAVE GRAPE, the monitoring IoT system for the vineyards: an application example
    PREMISE 1 – SAVE GRAPE is our Internet of Things (IoT) monitoring system...
  • save, the proactive solution for vineyard
    IoT and wireless sensors in the vineyard: application in the “Land of Prosecco”
    For “VitiOviTec”,  a farm located in  Fregona, in the so-called “land of Prosecco”,...
  • IoT for art: sensors for the Super Violin of Cremona (Italy)
    IoT for art: sensors for the Super Violin of Cremona (Italy)
    With AURORAS, even the violin has become Smart! In Cremona, the city of...
  • save for vineyard
    The WEATHER STATION: LoRaWAN
    The Weather Station LoRaWAN is the FIRST WEATHER STATION which embeds the transmission...
  • SAVE CROP: Internet of Things system for agriculture
    SAVE CROP: Internet of Things system for agriculture
    SAVE CROP is an Internet of Things (IoT) system, designed to monitor crops...
  • temperature_extension_controller_safe
    Temperature: Wireless Sensor for temperature
    The Auroras Wireless Temperature Sensor AU03-10T0B measures the temperature in a range between -55°C...
  • not_invasive_Current Absortion Sensor
    Current: Wireless Sensor for Current Absorption
    The Auroras Wireless Current Absorption Sensor AU03-60A8E measures the current absorption up to...
Share