Call Us: +39 0377 220 666

IoT in agricoltura: cambia il lavoro, cambia e cresce l’occupazione

IoT in agricoltura: come sta cambiando il lavoro nei campi?

I sistemi IoT (Internet of Things) come SAVE GRAPE, SAVE CROP o GREEN HOUSE sono strumenti scientifici a supporto del coltivatore che consentono di conoscere le necessità della coltivazione in tempo reale: ha bisogno di acqua? di fertilizzante? si sta sviluppando una patologia fungina?

Grazie alla tecnologia IoT si raccolgono dati con continuità relativi alle condizioni micro-climatiche e fisio-patologiche della pianta. In questo modo si può intervenire e risolvere tempestivamente prendendo la decisione migliore in quel momento o addirittura anticipare situazioni di stress per la pianta.

SAVE GRAPE

I vantaggi sono tanti per il coltivatore:

  • più produzione
  • meno sprechi di acqua e suolo
  • ottimizzazione dei trattamenti al reale bisogno
  • più precisione di intervento
  • meno costi

L’IoT (Internet of Things) si integra in un nuovo modello di azienda agricola, oggi chiamata Smart Farm o Digital Farm, in cui sensori e sistemi previsionali “convivono” con trattori automatizzati, droni, macchinari robotizzati. Tutto questo è spesso associato a dubbi relativi all’occupazione.

Se da un lato è innegabile che l’automazione di alcuni processi potrà sostituire professionalità meno qualificate, dall’altra si prospettano nuove opportunità che, soprattutto all’estero, si stanno già cogliendo.

Innanzitutto lo sviluppo dell’IoT (Internet of Things) applicato all’agricoltura è il core business di nuove aziende come AURORAS.
Si è aperto un nuovo mercato in crescita costante. Le istituzioni europee e nazionali sostengono l’adozione di tecnologia IoT (Internet of Things) in quanto ne hanno compreso tutta la portata vantaggiosa sia in termini di sostenibilità ambientale che di efficienza produttiva. Con fondi, agevolazioni, progetti incentivano “dall’alto” le imprese agricole e, al contempo, sono impegnate nella sfida più ardua: supportare la rete 5G, che consentirà una connessione sempre più stabile dei dispositivi mobili su cui si basa anche la Digital Farming.

L’IoT (Internet of Things) richiede inoltre figure specializzate che sappiano utilizzare la tecnologia di precisione e interpretare correttamente i dati. Si profilano all’orizzonte, quindi, nuove professionalità da integrare nell’impresa agricola o da formare. L’IoT (Internet of Things) stimola tutto il settore nel fare un passo avanti con l’acquisizione di nuove e specifiche competenze.

E’ di pochi giorni fa l’annuncio del piano che il governo coreano metterà in campo per creare oltre 4000 posti nella Smart Farm Industry entro il 2022. Il centro del progetto sarà una azienda agricola sperimentale dove gli “allievi” impareranno a gestire in modo tecnologico l’impresa.
La politica agricola coreana prevede sussidi per i giovani che intendono crare una Smart Farm e la realizzazione di Smart Farm da prendere in affitto.
Queste iniziative si inquadrano in momento particolarmente dinamico per l’agricoltura coreana che gode di un aumento della produttività del 30% proprio grazie alle prime Smart Farm.

In Australia i farm manager sono sempre più richiesti tanto che, si stima, entro il 2024 saranno circa 81000 quelli che entraranno nel settore. Le competenze più ricercate? IT, business e specializzate. La posta in gioca è alta: i trattati commerciali conclusi daranno spinta ai prodotti australiani su nuovi mercati. Per rispondere alla domanda, le fattorie stanno adottando la nuova tecnologia di precisione per una maggiore produttività. Il Governo sta sostenendo questa “conversione” con investimenti in Ricerca e Sviluppo pari a 600 milioni di dollari. Una cifra che deve essere rapportata alla previsione di un giro d’affari per il settore di circa 100 miliardi entro il 2030.

Il lavoro in agricoltura si sta trasformando. La tecnologia IoT richiederà sempre più ingegneri e professionisti in grado di interpretare i dati raccolti e fare manutenzione ai macchinari.
Non solo. Sempre più diffusi sono i piani per la realizzazione di Vertical Farms che richiederanno ulteriore manodopera specializzata.
Le università e la scuola in generale si stanno preparando ad essere ulteriore stimolo del cambiamento, introducendo nuovi indirizzi e percorsi di formazione nell’ambito Agricoltura 4.0.

Si apre quindi una nuova era per il lavoro in agricoltura, più tecnologico e forse ancora più attraente per le generazioni future.

 





  • IOT IN THE GREENHOUSE: against the diseases and parasites of watermelons
    IOT IN THE GREENHOUSE: against the diseases and parasites of watermelons
    IOT IN THE GREENHOUSE: against the diseases and parasites of watermelons AURORAS in...
  • SAVE GRAPE, the monitoring IoT system for the vineyards: an application example
    SAVE GRAPE, the monitoring IoT system for the vineyards: an application example
    PREMISE 1 – SAVE GRAPE is our Internet of Things (IoT) monitoring system...
  • save, the proactive solution for vineyard
    IoT and wireless sensors in the vineyard: application in the “Land of Prosecco”
    For “VitiOviTec”,  a farm located in  Fregona, in the so-called “land of Prosecco”,...
  • IoT for art: sensors for the Super Violin of Cremona (Italy)
    IoT for art: sensors for the Super Violin of Cremona (Italy)
    With AURORAS, even the violin has become Smart! In Cremona, the city of...
  • save for vineyard
    The WEATHER STATION: LoRaWAN
    The Weather Station LoRaWAN is the FIRST WEATHER STATION which embeds the transmission...
  • SAVE CROP: Internet of Things system for agriculture
    SAVE CROP: Internet of Things system for agriculture
    SAVE CROP is an Internet of Things (IoT) system, designed to monitor crops...
  • temperature_extension_controller_safe
    Temperature: Wireless Sensor for temperature
    The Auroras Wireless Temperature Sensor AU03-10T0B measures the temperature in a range between -55°C...
  • not_invasive_Current Absortion Sensor
    Current: Wireless Sensor for Current Absorption
    The Auroras Wireless Current Absorption Sensor AU03-60A8E measures the current absorption up to...
Share